sei in: home page » archivio news » Anche il Laboratorio di Arpa FVG è impegnato nella ricerca della Listeria monocytogenes negli alimenti Stampa

Anche il Laboratorio di Arpa FVG è impegnato nella ricerca della Listeria monocytogenes negli alimenti

11/07/2018

Anche il Laboratorio Alimenti e Microbiologia di Arpa FVG ha avviato analisi supplementari per la ricerca della Listeria monocytogenes in campioni di verdure surgelate, nell’ambito dell’emergenza causata da un focolaio di listeriosi che dal 2015 interessa diversi stati europei. Secondo l’EFSA (European Food Safety Authority), la sua origine sembra essere riconducibile ad alcune partite di vegetali congelati prodotti da una azienda ungherese.

La Listeria monocytogenes è l’agente responsabile della listeriosi, la cui sintomatologia varia in funzione della dose infettante e dello stato di salute dell’individuo interessato. Si possono avere sia forme simil-influenzali o diarroiche, sia forme più gravi in soggetti debilitati, immunodepressi e nelle donne in gravidanza.  

La principale via di trasmissione nell’uomo è quella alimentare. La Listeria monocytogenes è in grado di moltiplicarsi anche a temperature vicine a 0°C, e può quindi crescere anche negli alimenti conservati a temperatura di refrigerazione. È invece molto sensibile alle normali temperature di cottura degli alimenti, che inattivano questo patogeno.

Il metodo analitico impiegato dal Laboratorio Alimenti e Microbiologia di Arpa FVG per la ricerca della Listeria monocytogenes negli alimenti è accreditato ai sensi della UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005. Viene utilizzata la reazione di polimerizzazione a catena in tempo reale (PCR-RT), che permette di identificare nei campioni il materiale genetico del microrganismo. Una successiva analisi colturale verifica la presenza di cellule vitali negli alimenti risultati positivi alla PCR-RT.

In Italia il Ministero della Salute ha attivato i carabinieri del NAS, che stanno eseguendo controlli supplementari per monitorare la situazione. Attualmente, come evidenzia lo stesso Ministero della Salute,  non sono stati segnalati focolai di infezione sul territorio nazionale e le analisi sugli alimenti vengono fatte a scopo precauzionale.