sei in: home page » Previsione pollini nel nuovo bollettino Stampa

Previsione pollini: consulta il bollettino

08/06/2018

È disponibile il bollettino dei pollini che, oltre alle informazioni sulle concentrazioni rilevate nella settimana trascorsa, riporta la previsione pollinica per la settimana successiva.

Bollettino pollini

 

Le previsioni sono ottenute grazie a un modello di simulazione implementato dall’Agenzia e pubblicato sulla rivista internazionale Aerobiologia, modello che si basa su una grande mole di dati rilevati in molti anni di monitoraggio.

Per ogni tipo di polline, rilevato in 4 stazioni, è possibile visualizzare:
i dati misurati nella settimana trascorsa, quali

  • la media delle concentrazioni, espressa come numero di granuli m3/giorno;
  • la abbondanza in cui rientra la media delle concentrazioni. Le classi sono espresse da pittogrammi che esprimono abbondanza nulla, bassa, media e alta;

i dati stimati per la settimana in corso, quali

  • la previsione della classe di abbondanza. Anche in questo caso le classi sono espresse da pittogrammi che esprimono abbondanza nulla, bassa, media e alta;
  • l’attendibilità della previsione, cioè la probabilità che la quantità di polline che si misurerà possa essere vicina alla stimata.

Un breve commento alla concentrazione sintetizza i dati misurati, presentando la situazione sul territorio regionale alla luce delle informazioni meteorologiche e stagionali.

Data l’importanza sul piano sanitario, l’impostazione del bollettino è volta ad agevolare la lettura degli utenti, sia medici che pazienti allergici. Tale strumento potrà essere utile nella scelta di una meta turistica o di un determinato periodo dell’anno in cui visitarla o nella prescrizione o assunzione di un farmaco (sotto controllo medico).

Nella nostra regione sono attive quattro stazioni di monitoraggio dei pollini, posizionate in modo da essere rappresentative dell’intero territorio: Pordenone per la pianura friulana, Lignano Sabbiadoro per tutta la costa (compresa quella del vicino Veneto), Tolmezzo per l’alto Friuli, e Trieste per la città capoluogo e il carso retrostante.

I dati di monitoraggio confluiscono nella rete POLLnet, in cui sono coinvolte tutte le Agenzie ambientali regionali e provinciali, per integrare le informazioni a livello nazionale.